Museo di Storia Naturale di Venezia

Museo di Storia Naturale di Venezia

Schede tematiche

Saccostrea commercialis

Per consultare tutte le schede di approfondimento in ordine alfabetico clicca qui.

 

Saccostrea commercialis (Iredale & Roughley, 1933) (Mollusca, Bivalvia, Ostreidae)

L’ostrica a cappuccio, di origine australiana, è stata introdotta in Laguna di Venezia nel 1984 dove non si è tuttavia insediata stabilmente.

Descrizione
Conchiglia ostreiforme, che differisce per la crenulazione presente lungo il margine (fig. 2) da quella di Crassostrea gigas che ne è completamente priva, e da quella di Ostrea edulis in cui si trova solo in prossimità della cerniera. Colorazione esterna bruno-violacea (fig. 1). Dimensioni: altezza da 39,5 a 130 mm.

Provenienza e diffusione in Mediterraneo e Laguna di Venezia
Questa specie, originaria della provincia australiana ma ormai ampiamente distribuita in area circumtropicale, è presente nel Mediterraneo orientale (Egitto e Turchia meridionale) dove è presumibilmente giunta attraverso il Canale di Suez per mezzo dei traffici commerciali anche se non si esclude la progressiva penetrazione spontanea delle fasi larvali (Cevik et al., 2001).
Si è adattata bene alle condizioni presenti nel bacino orientale del Mediterraneo, mentre nelle lagune dell’alto Adriatico la sua introduzione non è riuscita. Raccolta per la prima volta nella Laguna di Venezia nel 1984 (Cesari & Pellizzato, 1985), ove è stata introdotta probabilmente grazie a partite di esemplari posti in stabulazione nella zona di Chioggia, ad una prima breve fase espansiva che ha portato alcuni esemplari fino ai canali salmastri interni nell’isola di Sant’Erasmo (bacino settentrionale della laguna) non è seguita l’acclimazione della specie che da diversi anni non viene più raccolta.
Anche durante una recente campagna di campionamenti Saccostrea commercialis non è stata rinvenuta in Laguna di Venezia, a testimonianza del modesto grado di diffusione e del breve periodo di permanenza nell’area di studio; la specie è probabilmente scomparsa per la maggiore competitività di C. gigas, mostrando un grado di adattamento meno marcato a condizioni di tipo lagunare (Mizzan et al., 2005).

Ecologia e biologia
È stata osservata in aree ricoperte da macroalghe, su grandi rocce e relitti. La sua densità di popolazione sembra diminuire con la profondità.
Specie euriterma, si riproduce da giugno a ottobre con una temperatura ottimale compresa tra 20 e 30°C.

Bibliografia
CESARI P., PELLIZZATO M., 1985. Molluschi pervenuti in Laguna di Venezia per apporti volontari o casuali. Acclimazione di Saccostrea commercialis (Iredale & Roughley, 1933) e di Tapes philippinarum (Adams & Reeve, 1850). Boll. Malacologico, Milano, 21 (10-12): 237-274.
ÇEVIK C., ÖZTÜRK B., BUZZURRO G., 2001. Presenza di Crassostrea virginica (Gmelin, 1791) e Saccostrea commercialis (Iredale & Roughley, 1933) nel Mediterraneo Orientale. La Conchiglia, 298 (1-3): 25-28.
MIZZAN L., TRABUCCO R., TAGLIAPIETRA G., 2005. Nuovi dati sulla presenza e distribuzione di specie alloctone del macrozoobenthos della laguna di Venezia. Boll. Mus. civ. St. Nat. Venezia, 56: 69-88.